CARTA E CARTONE



Cosa buttare
Giornali, riviste, fogli e quaderni, carta da pacchi, cartoncini, sacchetti di carta, scatole di cartone per alimenti (pasta, sale, riso, ecc..) fustini di detersivi, tetrapak, brik di latte e succhi di frutta, imballaggi di cartone.

Cosa non buttare
Cartoni con residui di colla, cartoni di pizza molto unti, carta plastificata, carta da parati, bicchieri e piatti di carta, carta chimica dei fax, carta autocopiante.

Come conferire
Per aiutarti a differenziare la carta, utilizza il pratico ecobox consegnato ad ogni famiglia.
Carta e cartone devono essere conferiti negli appositi contenitori in modo sfuso (non in sacchetti di plastica).

Lo sapevate che:
Con 3 scatole da scarpe riciclate si può ottenere 1 cartelletta.
Ogni anno in Italia, grazie alla raccolta differenziata di carta e cartone si risparmiano emissioni nocive per l'atmosfera, equivalenti al blocco totale di tutto il traffico per ben 6 giorni e 6 notti!
Lo smaltimento di carta e cartone dal 1998 al 2008 equivale alla portata di 170 discariche di medie dimensioni che così, grazie al riciclo, non sono state realizzate nel territorio.
Il 90% delle scatole sono realizzate con materiale riciclato.

Le foreste europee sono in costante aumento perché L'Europa è all'avanguardia nella gestione forestale sostenibile.
La cellulosa vergine proviene da boschi appositamente piantati per produrre legname i cui sottoprodotti vengono utilizzati per produrre carta.
Ogni anno l'incremento medio della superficie forestale europea è di 661.000 ettari, un territorio grande 2 volte la Valle d'Aosta.
Considerando la produzione mondiale a base di legno, l'industria cartaria ne utilizza solo il 10%, il resto viene impiegato in altri settori, come quello del mobile.